Manzo all’olio di Rovato

Mangiare è incorporare un territorio”.

(Jean Brunhes)

La cucina è una delle principali voci del racconto che restituisce l’identità di un territorio: il cibo, infatti, rappresenta l’espressione più genuina di un luogo. Scoprire le tradizioni enogastronomiche di una località permette di stabilire un legame diretto con essa, conoscendola nel profondo.

La Franciacorta è una terra dalle innumerevoli risorse e la sua ricchezza emerge anche dai sapori che caratterizzano i suoi piatti tipici.

Il manzo all’olio è un secondo piatto tipico dell’entroterra franciacortino, in particolare del Comune di Rovato. Un’antica ricetta della cucina povera che, però, ancora oggi è rappresentativa del luogo e risulta molto amata. Il segreto per preparare un manzo all’olio perfetto è scegliere ingredienti di qualità: l’elemento fondamentale per ottenere un piatto gustoso è il cosiddetto “cappello del prete”, morbida carne di manzo che viene rosolata in un ricco soffritto e successivamente cotta a lungo in acqua e olio. Il risultato è un tripudio di sapori che rende questa squisita ricetta una delle più emblematiche della cucina tipica della Franciacorta.

Difficoltà
Media
Tempo
04:00
Abbinamenti
Ricetta dal sapore forte, ma equilibrato. Lascia al palato una decisa untuosità, data dalla succulenza della carne e dal condimento della preparazione.
Ingredienti

INGREDIENTI PER 6 PERSONE

1 kg Taglio di carne “cappello del prete”
1 spicchio di aglio
200 g olio extra vergine di oliva
Q.B. pane grattugiato
3/4 acciughe
Q.B. formaggio grattugiato
200 gr. di prezzemolo tritato
Q.B. sale
2 cucchiai di capperi

Preparazione

Infarinare la carne. Metterla in un tegame stretto e alto. Unire l’acqua fino a coprire la carne. Aggiungere un bicchiere d’olio d’oliva, 3 o 4 acciughe e il sale (in modica quantità). Portare il tutto a ebollizione, fino a fare evaporare l’acqua. Cuocere la carne per 3 ore circa, a 3/4 d’ora dalla cottura aggiungere il prezzemolo e l’aglio tritato fine. Quindi togliere la carne dalla pentola e tagliarla a fette e lasciarla riposare per 12 ore in frigorifero. Al brodo di cottura unire un cucchiaio di pane grattugiato (secondo la densità che si vuole dare alla salsa) e uno di formaggio. Passate le ore di riposo della carne, prendere la fetta e metterla in un tegame con la salsa ormai divenuta crema e stemperarla con un cl di acqua, scaldare il tutto e servirlo con polenta calda, spinaci o patata lessa.

Leggi anche

MAIN PARTNERS

logo michelin
CNMI Camera Nazionale della Moda Italiana
Porsche Carrera Cup Italia
1000 Miglia

TECHNICAL
PARTNERS

Slow Food
Parmigiano Reggiano
Calvisius
Acqua Panna
San Pellegrino
Valoritalia

EDUCATIONAL
PARTNERS