Le vin en rose – Il metodo CIELab per l’analisi del colore entra a far parte di un prestigioso disciplinare

9 Novembre 2023

Le sfumature del Franciacorta Rosé si preparano a diventare sempre più riconoscibili grazie alle recenti innovazioni volute dal Consorzio

Quando passeggiamo con esitazione lungo le corsie del supermercato, o studiamo scrupolosamente gli scaffali di un’enoteca in cerca del vino perfetto per un’occasione importante, il primo fattore discriminante è il colore. I più illuminati avranno forse superato gli stereotipi “bianco-pesce” e “rosso-carne” ma, a prescindere dal pasto che la bevanda andrà ad accompagnare, il suo colore sarà inevitabilmente e inconsapevolmente determinante ai fini dell’acquisto, soprattutto quando si parla di rosé. Questa proprietà spesso banalizzata costituisce l’ago della bilancia in presenza di più opzioni valide: se in passato l’interazione con il colore era contestuale al consumo, le bottiglie trasparenti di (relativamente) recente introduzione hanno anticipato il contatto, rendendolo oggetto di interessanti ricerche di neuromarketing. E così alcune bottiglie vengono preferite ad altre solo in virtù delle emozioni che certe tonalità riescono a suscitare.

Il mondo dei rosati è quello indubbiamente più impattato per quel che concerne il legame tra colore e processo decisionale del cliente finale, e dunque non stupisce che sia proprio questo il settore in cui la colorimetria applicata all’enologia si è sviluppata maggiormente. Ma la classificazione cromatica di un prodotto con la finalità di creare un brand che si identifichi con una tonalità precisa e stabile non è l’unica applicazione. Analizzare l’evoluzione del colore durante i processi di vinificazione può essere di grande utilità anche in cantina, dal momento che ogni variazione corrisponde a reazioni di interesse enologico che in questo modo possono essere monitorate, a fini estetici e qualitativi, e senza processi lunghi o invasivi in termini di preparazione del campione.

La messa a punto di strategie efficaci – che si tratti di marketing o di controllo qualità – richiede strumenti rapidi, che permettano di confrontare nel tempo i dati colorimetrici e riconoscere la loro corrispondenza a eventuali valori target. Per questa ragione le tradizionali tecniche di spettrofotometria sono state recentemente declassate e sostituite dal metodo CIELab: nel 2006 l’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (OIV) lo ha adottato come nuovo riferimento per l’analisi del colore, e anche il disciplinare di produzione della prestigiosa Docg bresciana, dopo l’ultima revisione, lo indica come standard per la determinazione delle caratteristiche cromatiche del Franciacorta Rosé.

Il colore è una percezione sensoriale generata da uno stimolo luminoso che interagisce con l’occhio e viene elaborato dal cervello per generare una “sensazione”. Diversi sono i fattori che influenzano questa “sensazione”: il tipo di luce, l’occhio di chi osserva, da come il cervello trasforma l’impulso che riceve, la quantità di vino nel bicchiere ecc. L’obiettivo della Commissione Internazionale dell’Illuminazione (CIE) è quello di definire gli standard a livello mondiale per misurare e descrivere il colore in modo oggettivo e univoco per chiunque, simulando il più possibile l’esperienza umana. Al contrario del metodo “classico”, basato sulla semplice misura dell’assorbanza a 420 (giallo), 520 (rosso) e 620 nm (blu) per ottenere indici di intensità colorante I e Tonalità T, la colorimetria CIELab analizza tutto lo spettro visibile (da 380 a 780 nm) e ad oggi è considerato il sistema di misura del colore più vicino a come l’occhio umano lo percepisce. Nello specifico il modello CIElab, sistema basato sul tristimolo, permette di ottenere i cosiddetti parametri L*a*b, dove “L” (luminosità) rappresenta la chiarezza ovvero quanto un colore appare chiaro o scuro.  La luminosità viene spesso rappresentata come un valore numerico, dove 0 indica il nero assoluto e 100 il bianco assoluto. Le coordinate cartesiane “a” e “b”, invece, indicano rispettivamente la dominanza del rosso sul verde e del giallo sul blu. Da queste grandezze vengono derivate anche la tonalità “h” e la saturazione (o purezza del colore) “C”, che consentono di classificare con estrema precisione e completezza le informazioni cromatiche del vino. Questa misurazione più dettagliata e precisa sarà di supporto ai tecnici del settore, alle divisioni di vendita e naturalmente all’area di marketing e comunicazione, abilitando una migliore valutazione delle sfumature e delle caratteristiche distintive delle diverse annate. E in un prossimo futuro potrebbe essere in grado di stabilire una correlazione tra tonalità e gusto, non solo a beneficio del Franciacorta Rosé – sempre più richiesto dal mercato nazionale e internazionale – ma di tutta l’industria vinicola.

Leggi anche

MAIN PARTNERS

Michelin 2023 Italia
CNMI Camera Nazionale della Moda Italiana
Porsche Carrera Cup Italia
1000 Miglia
EMMYS

TECHNICAL
PARTNERS

Slow Food
Parmigiano Reggiano
Calvisius
Acqua Panna
San Pellegrino
Valoritalia

EDUCATIONAL
PARTNERS